Intervista a Giuliano Ambrosio, web designer e programmatore freelance.

Eccoci insieme a Giuliano Ambrosio, “in arte” Julius, web designer freelance autore di JuliusDesign.net e realizzatore del gruppo facebook Web Designer Italiani, il maggior punto di riferimento per esperti, appassionati e beginners del settore.

Presentati ai lettori.

Mi chiamo Giuliano, conosciuto sul web come Julius, nel 2007 ho deciso di aprire un blog JuliusDesign.net in cui condividere le mie esperienze nel mondo del web e design.
Questa condivisione di conoscenza e confronto libero con i lettori con le mie stesse passioni, mi ha portato ad oggi nell’avere un blog molto seguito con oltre 6.000 accessi unici al giorno.
L’evoluzione del mio blog è stata dettata dal mio passaggio da Dipendente a Freelance, che mi ha dato la possibilità di esplorare diverse altre tematiche e cercare di aiutare chi come me aveva dubbi nel intraprendere una carriera simile.
Inoltre ho avuto la possibilità di organizzare e presentare diversi seminari su tutta Italia riguardo tecniche e strategie per Web Designer Freelance.

In cosa consiste il tuo lavoro?

Io nasco come programmatore, ma la mia vera passione è il web e design, a tutti gli effetti sono un web designer. Questa fortuna di avere due visioni da programmatore e designer mi ha permesso da Freelance, di seguire molti progetti direttamente dalla A alla Z.
Inoltre grazie alla mole di informazione che, con il blog, ho il modo di approfondire, sono riuscito ad ampliare la mia visione e non limitarmi solo nel mondo grafico.
Infatti sono riuscito a maturare una interessante esperienza sul mondo dei Social Media, e attualmente ricopro il ruolo anche di Social Creative Strategist per diverse agenzie su tutta Italia.

Quale è stata la tua formazione?

Dopo la maturità con indirizzo Informatica e Ragioneria, ho appreso diverse nozioni sulla programmazione e tutta la parte relativa alla ragioneria, quest’ultima noiosa, ma che si è rivelata interessante una volta diventato Freelance.
Dopo la maturità ho voluto approfondire la mia grande passione nel web e desgin, e ho seguito un corso di formazione che mi ha dato le basi sulla realizzazione e progettazione di siti web, incluso l’utilizzo di tutti i principali strumenti della suite Adobe.
In seguito ho avuto la fortuna di applicare tutte le mie conoscenze sul campo, in 2 anni in un’agenzia di Torino, nella quale oltre ad applicare ho potuto osservare le dinamiche di un’agenzia.
Una volta diventato Freelance, ho voluto seguire una mia linea di aggiornamento autonoma tramite guide, tutorial, webinar che tutt’ora seguo con entusiasmo.

Freelance per scelta o per necessità?

La scelta di diventare Freelance è stata un mix tra scelta e necessità, in quanto non avendo più gli stimoli creativi e molti paletti, ho voluto provare a mettermi in gioco.
Una delle caratteristiche che mi contraddistingue è l’ambizione, e una sfida del genere non potevo farmela scappare, fortunatamente è andata bene.

Mai lavorato per conto di qualche agenzia?

Ho avuto l’occasione di lavorare con diverse agenzie, seguendo la parte di comunicazione web e strategie sui social media per conto di grandi brand.
Le agenzie per il Freelance sono degli ambienti molto interessanti, in quanto è possibile maturare la propria esperienza entrando in agenzie ma con la mentalità da Freelance.

Essere un freelance significa lavorare da casa?

Ovviamente no, lavorare da casa può essere il primo passaggio durante una fase di test o studio delle proprie capacità.
In seguito un Freelance potrebbe anche pensare di occupare un ufficio, oppure diventare consulente per diverse agenzie, o ancora creare una propria realtà.

I social network possono però aiutare un lavoratore freelance, ne fai uso per questo scopo?

I Social Media sono delle utili finestre con le quali abbiamo la possibilità di arrivare a persone e realtà che direttamente sarebbe più difficile.
L’utilizzo corretto per un Freelance o Brand, può determinare l’emersione dalla massa e ottenere una grande visibilità.
Io stesso utilizzo i social media con logica e professionalità, con lo scopo di migliorare la mia figura professionale e attirare potenziali clienti.

Freelance e famiglia: si riesce ad andar avanti con questo lavoro? Cosa consigli a chi come te ha deciso di mettersi in proprio?

Personalmente penso sia solo una questione di abitudine e di organizzare la giornata in modo ottimale, senza farsi prendere dal panico.
Una famiglia cambia sicuramente la quotidianità, ma se si riesce a predisporre gli spazi di lavoro e il tempo in modo corretto, non avremo nessun problema.

Progetti per il futuro?

I progetti sono tanti, non averne sarebbe sbagliato e controproducente, solo chi si ferma a quello che ha ottenuto non potrà avere quella marcia in più a fare meglio.
Tra i tanti progetti in cantiere, posso sicuramente parlarvi di Vita Da Freelance, un progetto che andrà in onda su YouTube, una serie di pillole per Freelance registrato e montato esclusivamente con un iPhone 4S nelle quali cercherò di mostrare la vita di un freelance, entrando in agenzie, condividendo strategie e incontrando personaggi di successo.

Grazie mille per la disponibilità dimostrata, ti ringraziamo a nome di tutti quelli che leggeranno questo articolo e che grazie a te avranno adesso le idee un po’ più chiare.
Buona fortuna..anche se non crediamo tu ne abbia bisogno ;)

Potrebbero interessarti anche:

Cosa significa essere uno scrittore freelance. Intervista a Beatrice Niciarelli.
Cosa significa essere un webdesigner freelance. Intervista a Laura Gargiulo.

24. Gennaio 2012 by admin
Categories: Interviste | Tags: , | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *