Diffida dai lavori piramidali.. perderai tempo e spesso denaro!

Spopolano da ormai troppo tempo nel web annunci di lavoro volti esclusivamente a truffare il prossimo guadagnando sul lavoro altrui.
Ne esistono differenti, ma il top del top è rappresentato dai lavori piramidali. Un lavoro piramidale, per chi non ne avesse stranamente mai sentito parlare, è un lavoro che ha come scopo principale quello di reclutare altre persone che lavorano sotto di te e che vendendo ti aiuteranno ad aumentare i guadagni. Poreste pensare “beh è come un qualsiasi rapporto di lavoro, titolare e impiegato, che c’è di strano?”. Tutto.
Scopo secondario di questo genere di lavori (anche se chi pratica questo lavoro non condividerà) è quello di vendere. La vendita passa quindi in secondo piano, strano no? Inizio a lavorare e devo preocccuparmi prima di trovare qualcuno da inserire nel circuito, poi posso preoccuparmi di vendere.
Ovviamente non è proprio così, anche la vendita è importante, ma il succo di questo discorso è che se non trovi qualcuno sotto di te si guadagnano briciole.
Avete mai sentito parlare di quelle aziende che ti illustrano un prodotto per vendertelo e poi ti propongono un lavoro? Ormai sono molto frequenti.
Immaginate che l’azienda Truffaldina s.r.l (nome di pura invenzione) voglia vendere lo stura lavandini del terzo millennio. Un oggetto che tutti vorrebbero o dovrebbero avere stando al loro pensiero.
L’azienda Truffaldina riesce quindi a venderti il mitico stura lavandini, dicendoti che c’è anche la possibilità di guadagnare, unendoti all’azienda e vendendo per conto loro come loro hanno fatto con te.
Ti verrà detto inoltre che le prospettive di guadagno sono altissime, perché se allo stesso modo riuscirai a portare/reclutare altri venditori, percepirai una percentuale del tot % dalle loro vendite e dalle vendite dei venditori portati in azienda dalle persone da te reclutate..e così via. Il gioco di parole era dovuto, potrebbe essere anche peggiore!
Facendoti credere che guadagnerai tantissimo, tanto quanto fitta è la rete di venditori che sarà sotto di te (quelli da te portati in azienda).
Se quindi io venditore C avrò reclutato 5 venditori (che chiameremo D) e questi a loro volta avranno reclutato altri 5 venditori (che chiameremo E) io percepirò le percentuali da ben 30 venditori di stura lavandini intergalattici.
Può essere invitante il sol pensiero. Ma quel che spesso non viene detto è che per diventare venditore bisogna acquistare personalmente il prodotto, che non costa come un paio di scarpe bensì può costare almeno come dieci paia di scarpe. Alcuni prodotti arrivano a costare anche più di 1000 euro. Per non parlare delle cene!! Già, alcune aziende per illustrarti il prodotto ti obbligano a partecipare alla cena aziendale per i futuri possibili venditori, altrimenti non puoi mica fare il venditore..no no.
Il problema quindi è questo: se ci lasciamo annebbiare la vista dai possibili guadagni allora avremo già perso parecchi soldi in partenza. Ricordate che non è facile vendere porta a porta, soprattutto se si sta vendendo aria fritta o uno stura lavandini laser! Non trovate? E magari dopo averlo comprato non rientriamo nemmeno dei soldi e ce lo diamo in faccia!

Tornando allo schema piramidale, se noi stiamo al livello C, al nostro stesso livello ci saranno decine o centinaia di venditori, al livello B magari un po’ meno, e al livello A indovinate un po’? L’Azienda! che sensa sforzi, se non quello di aver elaborato lo schema piramidale, venderà ad ogni singolo venditore il suo pezzo pregiato, in più percepirà percentuali da ogni vendita di tutti i suoi venditori.

Diffidate quindi dei lavori che promettono guadagni futuri in base al numero di affiliati che riuscirete a reclutare sotto di voi, se cercate un lavoro serio e seriamente pagato che non vi faccia perdere tempo inutilmente, cercate qualcosa di retribuito in base alle vostre capacità, un lavoro che vi paghi in base al vero tempo speso!

A voi è mai capitato qualcosa di simile?

Potrebbero interessarti anche:

Quando una passione può diventare un lavoro.
Stipendio fisso...variabile. Ne avete mai sentito parlare?
Call center o centro di addestramento?
Come scrivere un Curriculum Vitae

14. Ottobre 2011 by admin
Categories: Lavoro | Tags: , , , | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *